Ottimizzare le pagine del tuo sito
Secondo il criterio delle impressioni

Posizionamento
Autore:

Ok, ci siamo…Avete finalmente messo online il vostro nuovo sito, inserito dei contenuti interessanti e, secondo il manuale di SEO che avete letto il prossimo passo è quello di lavorare per ottimizzare le pagine che fanno più traffico.

La domanda è…Come scegliere le pagine da ottimizzare?

Esistono varie tecniche e varie scuole di pensiero ma, se avete messo online il vostro sito da poco probabilmente non avrete molte pagine che si indicizzano in buona posizione così il mio consiglio è quello di iniziare dalle pagine che registrano un maggior numero di impressioni.

Per cominciare cosa sono le impressioni?
Per impressioni si intende il numero di volte che una url di un sito viene visualizzata nei risultati di ricerca da un utente escludendo i risultati a pagamento.

Le impressioni sono sempre importanti e uno degli obiettivi di un buon SEO è quello di farle crescere perché più impressioni sono collegate alle pagine di un sito più aumentano le probabilità di ottenere clic e quindi visite al sito. In un nuovo sito le impressioni sono un indicatore fondamentale per capire quali sono i contenuti e quelle pagine che suscitano più interesse nel pubblico, ecco perché è importante analizzarle ed ottimizzarle per fare in modo che salgano nelle prime posizioni e che vengano cliccate dagli utenti.

Vediamo insieme come fare.

La prima cosa che vi servirà è un accesso a Google Search Console che potete collegare anche al vostro Google Analytics.

Settante un periodo abbastanza lungo, almeno 6 mesi, se il vostro sito è online da un tempo minore settate dalla messa online del vostro sito all’ultimo giorno utile in modo da dare a Google il tempo di organizzare i dati.

analytics

Vi consiglio di utilizzare la Serach Console che vi permette in modo più semplice e veloce di collegare ogni pagina alla query corrispondente. Search Console vi permette di settare il periodo di tempo di riferimento nel seguente modo

search console tempo

A questo punto ricordate di selezionare “ricerca web” e la visione per pagine

ricerca web

Selezionate tutti i parametri in alto ovvero clic, impressioni, CTR e posizione e ordinate le pagine per impressioni, basta cliccarci sopra fino a visionare l’ordine decrescente (dal maggiore al minore). A questo punto vi troverete di fronte una schermata del genere

schermata console

Se vi torna più comodo potete esportare tutto in un file Excel e tenere traccia di quello che fate, soprattutto all’inizio può tornarvi molto utile aggiungere delle note accanto alle pagine su cui lavorate. Selezionate le pagine che riportano un maggior numero di impressioni e che escono in una buona posizione. Ricordate sempre che quando si parla di posizione si fa riferimento a un parametro medio perché una stessa pagina può uscire in posizioni differenti a seconda della query di ricerca a cui è collegata.

Facciamo un esempio…

Un articolo dal titolo “Ricetta della pappa al pomodoro” potrebbe uscire in prima posizione se la query di ricerca è “ricetta pappa al pomodoro” ma potrebbe uscire in quinta posizione con la query “storia della pappa al pomodoro” di conseguenza la posizione media sarebbe 3 (1+5/2).

Se il vostro sito è online da poco probabilmente non avrete molte pagine che si posizionano nelle prime posizioni di ricerca quindi iniziate a lavorare su quelle che hanno un maggior numero di impressioni.

Queste ad esempio sono tutte pagine buone su cui lavorare ma naturalmente dovete valutare in base al vostro caso specifico.

pagine

Una volta individuate le pagine su cui lavorare cercate di capire a quali query sono collegate (Search Console vi permette di farlo in modo semplice e veloce). Scegliete di potenziare la query di ricerca che vi offre un migliore posizionamento.

Allungate il vostro contenuto, ampliatelo e rendetelo più interessante e non dimenticate di curare bene i meta tag, di inserire belle immagini e, una volta sistemato, di condividere il vostro contenuto attraverso i social, mail e tutti i canali che vi vengono in mente.

Articoli in evidenza

Target e Personas

Cosa sono e come usarli per vendere di più sul web

Come si evolve il SEO, migliorare il posizionamento su google.

Gli aggiornamenti dell' algoritmo di google.

A scuola di contenuti

Oggi parliamo di come scrivere un buon articolo per essere letti nel web

Quanto costa fare un sito

Scopri il prezzo giusto per fare un sito internet

I più visti

Font-size CSS per una tipografia fluida e responsive.

px – em – rem – vw – vh – vmin – emax: la guida alle unità di misura dei font, per capirne le differenze, come e quando utilizzarle

Usare i CSS per creare splendidi effetti di sovrapposizione di testi, immagini e colori

Ovvero come realizzare le dissolvenze e i mascheramenti tipici dei programmi più avanzati di fotoritocco con gli attributi CSS Mix-blend-mode e background-clip: text

Come realizzare uno schema colori professionale per un sito web.

Ovvero adatto al prodotto/servizio di cui si occupa la tua interfaccia, accessibile a tutti e in grado di condizionare le conversioni e le scelte dei tuoi utenti

Automatizzare combinazioni di colori armoniose sul tuo sito web con LESS

Ovvero come passare dalla teoria del colore alla pratica della programmazione di un sistema di colori generato da un colore primario

Centrare un DIV dentro un altro DIV

5 metodi per centrare un DIV in orizzontale e in verticale in una pagina HTML con gli stili CSS, o all’interno di una pagina reattiva bootstrap