Cross posting sui social
Che cos'è e come sfruttarlo al meglio

Curiosità
Autore:

Quando è nato per la prima volta il social media marketing, i grandi marchi erano molto preoccupati di trovarsi all’interno di questo cambiamento epocale, che però con il tempo, si è dimostrato essere un valido alleato sia per le grandi aziende che per le piccole. I social media sono una delle più grandi evoluzioni del marketing.

Ma come i social hanno cambiato il modo di fare marketing delle aziende?

Il cambiamento più importante che abbiamo registrato è senza dubbio la creazione di una strategia di marketing creata appositamente per i social, molte volte sfruttando piccoli accorgimenti come il famoso Cross- Posting, un trucco facile da utilizzare per tutti i social media marketer e di grande valore. Con l’aiuto di questo articolo cercheremo di approfondire meglio questo argomento.

Che cos’è il cross-posting?


Parliamo di cross-posting quando utilizziamo lo stesso contenuto ma su piattaforme diverse, applicando delle opportune modifiche a seconda del tipo di comunicazione utilizzata dal canale scelto.

Facciamo un esempio pratico: Se prendiamo un articolo pubblicato sul nostro blog, questo può essere cross-postato e può essere pubblicato sul tuo account Instagram o Facebook. Tutti i più grandi brand o le più grandi aziende possono eseguire il cross-post su tutte le piattaforme social che desiderano, per ampliare le opportunità della loro presenza sui social media.

Come includere il cross-posting nella tua strategia sui social media?


Ma come possiamo fare ad includere il cross-posting nei nostri piani social media? Bene, è qui che interviene la tua strategia sui social media.

Strategia per social-media:
Una strategia per i social media, delinea i tuoi obiettivi di business in riferimento ai tuoi social media.

Cerca di capire e di analizzare quali potrebbero essere i metodi o le pratiche che potresti utilizzare per raggiungere questi obiettivi senza tralasciare le metriche necessarie per monitorare tutti i progressi che si otterranno per raggiungere questi obiettivi.

Un ottimo piano per i social media identifica tutti i tuoi punti di forza i tuoi punti deboli e le opportunità. Una volta svolto il primo passo con successo, bisognerà valutare con estrema attenzione dove si trova il tuo pubblico online e iniziare la creazione di contenuti
Prima di cominciare a scrivere e pubblicare i contenuti da ri-condividere è molto importante cercare di capire quello a cui si interessa il tuo pubblico.

Il modo più semplice e immediato per farlo è cominciare a lavorare sui tuoi “Pillar” i contenuti presenti sul tuo sito web che rappresentano i veri nodi nevralgici del tuo progetto web e successivamente cercare di capire cosa sia meglio mandare in cross-post e su quale piattaforma.
In parole ancora più semplici, parti dai tuoi Pillar per creare dei contenuti adatti per il tuo pubblico sui social. Dopo aver impostato il contenuto del tuo Pillar e identificato il contenuto che devi creare, tutto ciò che resta da fare è capire la frequenza e il tempo per pubblicare.

Quali sono le migliori pratiche per il cross-posting sui social media?


Sebbene non ci siano regole fisse e veloci per il cross-posting sui social media, ci sono restrizioni relative a ciascuna piattaforma.

1. Non eseguire il cross-post di tutto
Identifica il tono di voce utilizzato su tutte le piattaforme di social media e allinea i tuoi contenuti per adattarli a questo tono. Di solito, il cross-posting di Facebook è la piattaforma più semplice per la creazione di contenuti poiché è la più versatile e consente il minor numero di restrizioni. L’importante è non eseguire il cross-posting di ogni cosa in ogni dove, ma va sempre tutto ragionato in modo oculato.

2. Presta attenzione al conteggio dei caratteri e ai collegamenti
Mentre LinkedIn e Facebook consentono contenuti di lunga durata insieme a video o fotografie, Twitter limita il limite di caratteri a 280 caratteri, inclusi i collegamenti. Instagram ti consente di pubblicare descrizioni dettagliate, ma non consente collegamenti cliccabili nelle descrizioni.

3. Scegli gli elementi visivi corretti
Ogni piattaforma ha un rapporto immagine e video preferito. Mentre Instagram ha post a carosello scorrevoli, le pagine Facebook caricano più immagini come un gruppo di foto. Instagram ti dà anche la possibilità di utilizzare un mix di video e foto sullo stesso carosello, cosa che invece su Facebook non è possibile fare. Tutta questa panoramica per incentivarti a pensare sempre prima di agire. Pensa a qual è il tuo obiettivo e sfrutta la piattaforma a te più congeniale.

Conclusioni:
Oggi il cross- posting è molto facile da portare a termine con successo in modo semplice ed immediato, grazie a moltissimi strumenti ed applicazioni create appositamente per agevolare il lavoro di moltissimi social-media manager, ma quello che non possono aiutarci a fare, è senza dubbio creare una strategia di cross-posting vincente senza prima aver perso del tempo ad analizzare nel dettaglio alcuni dei temi toccati in precedenza da questa guida.

Affina la tua tecnica di cross-posting e non lascaire mai niente al caso.

Articoli in evidenza

Il lavoro da casa al tempo del Coronavirus

Purtroppo 11 milioni di italiani sono scollegati dalla rete

Come adottare lo Smart Working

Collegarsi da casa ai servizi aziendali oppure da remoto

Giancarlo Luigetti

Art Spa un angolo del Trasimeno nella Silicon Valley dell’Umbria

Hashtag o non Hashtag

O come gestire al meglio una pagina Facebook aziendale

Diventare un'impresa 4.0

Soluzioni digitali

I più visti

Cos’è e come funziona Instagram

Il social network più utilizzato dai giovani e dagli influencer